frutta
Cucina

Frutta e verdura vanno lavate per fermare il coronavirus, il parere dell’esperto

Acqua tiepida e detergente per uccidere il virus.

Da circa un mesetto abbiamo imparato tutti a lavarci bene le mani e ad applicare tutte le direttive dell’Oms per ridurre al minimo la diffusione del nuovo coronavirus. Ma ogni giorno apprendiamo qualcosa di nuovo, qualche comportamento che può aiutarci a diminuire la possibilità di contagio.

Abbiamo già appreso che il virus resiste per ore e anche giorni a seconda della superficie su cui si trova. Per esempio sul rame il coronavirus sopravvive per circa quattro ore, sul cartone 24 e sulla plastica o sull’acciaio per ben tre giorni.

Un dato ancora sconosciuto è però la durata del virus su frutta e verdura. Purtroppo non sono state fatte delle analisi a riguardo, ma Timothy Newsome, dell’università di Sidney, ha suggerito fortemente di lavarle non appena si arriva a casa. Nonostante il supermercato non sia un luogo a forte rischio di contaminazione, ogni superficie ha il proprio rischio. Secondo il virologo “la cosa migliore da fare è lavare frutta e verdura con del detergente appena si arriva a casa”.

Secondo l’intervista dello studioso al Mirror, “si devono lavare con acqua tiepieda e detergente, così come si fa con le mani”. A questo riguardo anche il Professor Burioni la scorsa settimana, intervenendo nella trasmissione di Fabio Fazio “Che Tempo che fa” aveva suggerito di pulire le superfici di carta o plastica con un detergente, ma anche di pulire frutta e verdura con prodotti come l’Amuchina (non il gel per mani).

(Visited 2.186 times, 1 visits today)